Un approccio evolutivo al Disturbo Post-Traumatico Complesso: i traumi cumulativi nell’infanzia e nell’adulto sono predittori della complessità sintomatologica?

di Valentina Di Mauro

L’esposizione a traumi multipli, in particolare durante l’infanzia,  provoca una complessità di sintomi inclusi nel PTSD, nonché un gruppo variabile di sintomi che evidenziano disturbi di autoregolazione. La relazione tra esposizione accumulata a diversi tipi di eventi traumatici ed il numero totale di diversi tipi di sintomi (complessità sintomatologica) è stata valutata in un campione clinico di adulti e in un campione clinico di bambini. Il trauma cumulativo nell’infanzia, ma non il trauma in età adulta, è predittore dell’aumento della complessità sintomatologica in età adulta. I risultati suggeriscono che i sintomi di cPTSD si verificano in entrambi i campioni, adulti e bambini, e che le esperienze dell’infanzia influenzano significativamente la sintomatologia degli adulti (Cloitre et al., 2009).
Gli individui con una storia di trauma, raramente sperimentano solo un singolo evento traumatico, ma piuttosto è probabile che siano stati esposti a  diversi episodi traumatici (Kessler, 2000). L’esposizione sostenuta, ripetuta o multipla a traumi, in particolare negli anni dell’infanzia, sembra provocare sintomi complessi che non comprendono solo quelli del PTSD, ma anche altri sintomi che riflettono disturbi prevalentemente nelle capacità di autoregolazione, quali: ansia,  gestione della rabbia, sintomi dissociativi e comportamenti aggressivi o socialmente evitanti. Questi sintomi sono parte del cPTSD (Herman, 1992).
La comprensione del cPTSD è stata influenzata dalla ricerca evolutiva, che ha dimostrato che l’abuso infantile nonché altre avversità (trascuratezza, abuso emotivo, genitori assenti o psichiatrici) si traducono in perdite nello sviluppo di processi relativi alla regolazione delle emozioni e alle competenze per comportamenti interpersonali efficaci (Shipman et al., 2005; Shipman et al., 2000). Questi eventi sono predittori della complessità sintomatologica perché in diversi studi è stato dimostrato che sono associati al rischio di sviluppo del PTSD (Widom, 1999). E’ stato proposto che un numero crescente di diversi tipi di traumi è associato ad un sempre maggior numero di diversi tipi di sintomi sperimentati simultaneamente (complessità sintomatologica; Briere et al., 2008; van der Kolk et al., 2005).

Tutti questi studi suggeriscono che l’esposizione ripetuta a  forme di maltrattamento e  traumi nell’infanzia può portare a problemi più severi di chi, invece, ha subito un trauma singolo, poiché è più probabile che che ci sia un’influenza maggiore sullo sviluppo delle capacità interpersonali e dell’affettività.
Riconoscendo l’impatto che il trauma cumulativo presenta sullo sviluppo nella prima infanzia, van der Kolk (2005) ha proposto una nuova categoria diagnostica, il Disturbo Traumatico dello Sviluppo, per tenere conto dei diversi profili sintomatologici di bambini cronicamente traumatizzati. Sarebbe opportuno comprendere in che modo le esperienze di maltrattamento contribuiscono allo sviluppo dei disturbi quali il cPTSD e il Disturbo Traumatico dello Sviluppo.
In sintesi, lo studio di Cloitre et al., (2009) dimostra che sia in bambini che in adulti, una maggiore esposizione al trauma è associata ad una maggiore complessità nella presentazioni dei sintomi.
Il modello osservato nel campione di bambini è coerente con il concetto di Disturbo Traumatico dello Sviluppo, mentre il corrispondente nell’adulto è coerente con il concetto di cPTSD.

Bibliografia

Briere, J., Kaltman, S., & Green, B. L. (2008). Accumulated childhood trauma and symptom complexity. Journal of Traumatic Stress, 21, 223–226.

Cloitre M, Stolbach BC, Herman JL, van der Kolk B, Pynoos R, Wang J, Petkova E. (2009). A developmental approach to complex PTSD: childhood and adult cumulative trauma as predictors of symptom complexity. J Trauma Stress. 2009 Oct;22(5):399-408. doi: 10.1002/jts.20444. Epub 2009 Sep 30.

Herman,J.L.(1992).ComplexPTSD: A syndrome in survivors of prolonged and repeated trauma. Journal of Traumatic Stress, 5, 377–377

Kessler, R. C. (2000). Posttraumatic stress disorder: The burden to the individual and to society. Journal of Clinical Psychiatry, 61 (Suppl 5), 4–12.

Shipman, K., Edwards, A., Brown, A., Swisher, L., & Jennings, E. (2005). Managing emotion in a maltreating context: A pilot study examining child neglect. Child Abuse & Neglect, 29, 1015–1029.

Shipman, K., Zeman, J., Penza, S., & Champion, K. (2000). Emotion management skills in sexually maltreated and nonmaltreated girls: A developmental psychopathology perspective. Development and Psychopathology, 12, 47–62.

van der Kolk, B. A. (2005). Developmental trauma disorder: Toward a rational diagnosis for children with complex trauma histories. Psychiatric Annals, 35, 401–408.

van der Kolk, B. A., Roth, S., Pelcovitz, D., Sunday, S., & Spinazzola, J. (2005). Disordersofextremestress:Theempiricalfoundationofacomplexadaptation to trauma. Journal of Traumatic Stress, 18, 389–399.

Widom, C. S. (1999). Posttraumatic stress disorder in abused and neglected children grown up. American Journal of Psychiatry, 156, 1226– 1229.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.