Schizofrenia, la malattia che fa paura

di Alessandra Iannucci

Accrescere la conoscenza per abbattere lo stigma

Fin dagli albori dell’umanità, si è presentato il problema di come spiegare le “diversità” e le “anomalie” nel modo di pensare e agire degli individui. Ogni civiltà ha interpretato la follia in modo differente, a partire dalla propria particolare concezione del mondo e della struttura sociale, economica e politica. Di conseguenza, si sono differenziati, nel corso della storia, i modelli di intervento e le strutture inizialmente deputate alla “custodia” e successivamente alla “cura” della persona affetta da disturbi psichici.

La schizofrenia, a causa della perdita di contatto con la realtà di chi ne soffre, è stato il disturbo che da sempre, nell’immaginario collettivo, si è avvicinato di più alla concezione di “follia” e che tuttora rappresenta la malattia mentale che “fa paura”. Mentre avanza la visione delle malattie mentali in un continuum, non in contrapposizione, con la normalità, la schizofrenia continua a rappresentare una grande etichetta di malattia.

Le caratteristiche proprie della schizofrenia, come ad esempio le allucinazioni, che portano la persona a udire voci non esistenti, possono indurre atteggiamenti stigmatizzanti nella società. La maggior parte delle persone presenta un’immagine stereotipata di chi è affetto da schizofrenia, complici anche i mezzi di comunicazione, e su questa materia sono diffusi molti preconcetti che si aggiungono alle caratteristiche intrinseche della malattia, ostacolandone ulteriormente la qualità di vita.

La World Psychiatric Association e altri esperti hanno stilato un elenco sintetico delle numerose false credenze relative alle persone con schizofrenia: sono violente e pericolose; sono pigre e inaffidabili; non sono in grado di spiegare come si sentono e la propria condizione né di prendere decisioni razionali; sono imprevedibili e peggiorano progressivamente per tutta la vita. Queste credenze sono sbagliate.

Molti non immaginano che la maggior parte delle persone che presenta questa malattia ha difficoltà a sfuggire allo stereotipo della propria condizione. La conseguenza è un aumento del rischio, per chi ne soffre, di sviluppare anche una depressione, sia in reazione ai propri sintomi, che lo spaventano, sia alla paura della “pazzia”, provocando un’angoscia profonda. Diversi studi dimostrano che le persone con schizofrenia manifestano verso loro stessi i medesimi giudizi negativi che vengono espressi dalla popolazione generale. Questo fenomeno ha conseguenze importanti come: vergogna, propensione all’isolamento sociale, difficoltà nel chiedere aiuto e aumento del rischio di recidiva, ossia di ricaduta; secondo alcuni esperti, anche del rischio di suicidio

Lo stigma che si associa a gravi malattie mentali come la schizofrenia colpisce non solo i pazienti, ma anche i loro familiari. Anche se molte famiglie tendono a negare lo stigma, in realtà il sentimento di vergogna può portare a un grande isolamento. Alcune credenze erronee sulle cause della schizofrenia possono inoltre aumentare gli atteggiamenti di colpevolizzazione da parte di genitori o altre figure di riferimento.

Uno dei fattori che può contribuire a ridurre lo stigma e a migliorare l’accettazione da parte della società è la conoscenza della malattia. Le persone più giovani e quelle più istruite sembrano essere maggiormente tolleranti. Anche avere avuto un contatto precedente con un paziente affetto dalla malattia consente un’aumentata consapevolezza della propria condizione o della condizione di una persona vicina.

Le persone affette da schizofrenia che possono contare sul supporto e su atteggiamenti positivi da parte di familiari, amici e colleghi di lavoro, hanno maggiori possibilità di continuare normalmente la propria vita lavorativa e familiare.
Abbandonare i pregiudizi e guardare la schizofrenia per quello che è, cioè una malattia come un’altra, ha il potere di migliorare notevolmente la prognosi. L’informazione resta l’unico mezzo per abbattere lo stigma.

Per approfondimenti

https://www.schizofrenia24x7.it

Foto di cottonbro da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.