La Mente Ossessiva Unplugged

di Carlo Buonanno

Lunedì sera, a Viterbo, presso la galleria del Teatro Caffeina, è andata in scena una versione unplugedd di La Mente Ossessiva. E già, perché la sala in cui abbiamo amabilmente chiacchierato con Francesco Mancini mi ha ricordato le atmosfere “grunge” dei primi anni novanta, quando i Nirvana si esibivano sotto lampadari barocchi e con soli strumenti acustici.

Il libro ha suscitato l’interesse che merita e Francesco ha pizzicato per un’ora le corde dell’attenzione degli addetti ai lavori e degli amici presenti in sala. In scaletta, che cos’è il Disturbo Ossessivo Compulsivo, quali gli ingredienti cognitivi prossimi le condotte sintomatiche, quale il ruolo dei timori di colpa e di contaminazione, fino alla relazione tra disgusto fisico e disgusto morale, tra la vulnerabilità e gli interventi messi a punto da poco dall’equipe. La grammatica morale che sorveglia le nostre scelte morali e interviene nella spiegazione di alcuni passaggi chiave del disturbo è la sintesi che il pubblico ha condiviso. Una spiegazione che non fa leva su malfunzionamenti delle funzioni cognitive superiori come la memoria, ma su cosa orienta la mente del paziente e cosa gli impedisce di smettere di controllare o lavarsi le mani. Il suono è acustico e l’interesse di chi ascolta vibra su buone lunghezze d’onda. Il pubblico ascolta e con facilità accede piano a un’idea di psicopatologia. Le variabili psicologiche come cause prime della sofferenza psichica. Non c’è niente di rotto. La mente va in una direzione precisa, quella dell’assoluta sicurezza di non sentirsi responsabile del danno temuto. Una pretesa che produce dolore. La chiarezza, unitamente al rigore intellettuale di Francesco, ha definito il feeling della serata. Gli esempi clinici e il racconto delle ricerche condotte negli anni un ottimo esempio di divulgazione scientifica. È vero che all’inizio mi ha bruciato una decina di domande, ma non me la sono sentita di interromperlo. Erano tutti attenti. E questo a me è bastato.

L’unica nota stonata? Me lo ha fatto notare una collega ieri sera al concerto dei Pearl Jeam. Durante l’intervista, noi eravamo seduti su un divano in pelle. Sul tavolino, davanti a noi, due bicchieri e una bottiglia d’acqua. Si Katia, sono d’accordo anch’io. Lunedì sera mancavano all’appello solo due calici di bianco.

Se vuoi vedere il video clicca su questo link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.