Metodo socratico in psicoterapia

di Andrea Paulis

Nonostante affondi le proprie radici nella filosofia greca, il metodo socratico è ancora oggi uno strumento utile nella ristrutturazione cognitiva

Il Metodo Socratico, in terapia cognitiva è solitamente descritto come una modalità di dialogo utile per ottenere informazioni clinicamente rilevanti, considerare punti di vista alternativi e aumentare l’insight nel paziente. Tale metodo presuppone che il terapeuta, seguendo i principi filosofici della scoperta guidata, conduca genuinamente l’interlocutore verso intuizioni o scoperte in grado di generare nuove conclusioni. Pertanto, l’obiettivo primario del dialogo socratico in psicoterapia non è quello di “cambiare” la mente dell’altro, ma di guidarlo nella scoperta di nuovi punti di vista.

Molti terapeuti esperti considerano l’uso del metodo socratico come una caratteristica centrale della terapia cognitivo comportamentale (CBT), mentre altri lo percepiscono come uno strumento prezioso ma non necessario ai fini di un buon trattamento. Nell’interessante studio di Gavin I. Clark e Sarah J. Egan è stata indagata proprio la percezione dell’importanza dell’uso del metodo socratico in un campione di terapeuti CBT esperti e i risultati hanno sottolineato come tutti i partecipanti identifichino tale metodo come efficace nel facilitare diversi effetti positivi all’interno della terapia; in particolar modo: il cambiamento delle credenze, la produzione di nuovi insight, la possibilità di interiorizzare il metodo socratico, l’aumento del coinvolgimento attivo all’interno della terapia e la capacità di arrivare a nuove conclusioni mediante il ragionamento.

Sebbene sia fondamentale comprendere quanto il clinico reputi utile tale metodo, è altresì importante lo sforzo fatto da Louise Heiniger e colleghi, i quali si sono occupati di indagare la preferenza, in una popolazione non clinica, tra una modalità di colloquio socratico e una modalità più didattica e direttiva di rivolgersi e interagire con il paziente. È stato chiesto ai partecipanti dello studio di esprimere una preferenza nei confronti di uno dei due metodi presi in esame, valutando l’utilità percepita delle domande dei terapeuti, il supporto all’autonomia e la probabilità di impegnarsi in attività terapeutiche. I risultati mostrano che i partecipanti esaminati preferiscono l’utilizzo di un metodo socratico da parte del terapeuta piuttosto che l’uso di un metodo “didattico”; nel primo caso, infatti, le domande sono state percepite come più utili e le modalità del colloquio sono state giudicate come più empatiche e di supporto all’autonomia.

Considerate queste differenti prospettive sul metodo, rimane da stabilirne empiricamente l’efficacia; un interessante spunto al riguardo arriva dal recente studio di Lisa N. Vittorio e colleghi, i quali hanno indagato l’efficacia del metodo socratico nel trattamento della depressione. Gli studiosi hanno individuato che l’uso di domande socratiche permette di prevedere un miglioramento dei sintomi nei soggetti che sono influenzati da aspettative particolarmente pessimistiche circa il proprio futuro.

Nell’insieme, questi recenti lavori permettono di riflettere sull’utilità del metodo socratico nel favorire la ristrutturazione cognitiva tipica dell’approccio CBT e sulla validità di un metodo che, nonostante affondi le proprie radici nella filosofia greca, resta attuale. Tuttavia, è bene sottolineare la profonda carenza di studi che indagano con accuratezza il ruolo e l’efficacia del dialogo socratico nel produrre un miglioramento. Probabilmente la poca chiarezza circa le modalità di impiego dello stesso e la mancanza di una definizione univoca e condivisa del metodo non ne rendono semplice l’indagine. Si auspica, pertanto, che studi futuri chiariscano il peso effettivo del metodo socratico nel trattamento psicoterapeutico cognitivo comportamentale.

Per approfondimenti:

Heiniger, L. E., Clark, G. I., & Egan, S. J. (2018). Perceptions of Socratic and non-Socratic presentation of information in cognitive behaviour therapy. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 58, 106-113.

Carona, C., Handford, C., & Fonseca, A. (2020). Socratic questioning put into clinical practice. BJPsych Advances, 1-3.

Clark, G. I., & Egan, S. J. (2018). Clarifying the role of the Socratic method in CBT: a survey of expert opinion. International Journal of Cognitive Therapy, 11(2), 184-199.

Vittorio, L. N., Braun, J. D., Cheavens, J. S., & Strunk, D. R. (2021). Cognitive Bias and Medication Use Moderate the Relation of Socratic Questioning and Symptom Change in Cognitive Behavioral Therapy of Depression. Cognitive Therapy and Research, 1-11.

Foto di SHVETS production da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.