Third Meeting of the EABCT SIG on OCD- Assisi, May 9-12 2013 – Spring School: latest developments in the treatment of obsessive-compulsive disorder- Assisi, May 13-14 2013

di Davide Coradeschi, PhD

Si è appena conclusa una lunga, ricca e stimolante maratona scientifica sullo stato dell’arte del trattamento cognitivo-comportamentale del disturbo ossessivo-compulsivo. Il congresso del gruppo d’interesse specifico sul DOC dell’EABCT sapientemente organizzato dalla Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Roma è giunto ormai alla sua terza edizione. Il successo dell’iniziativa è dimostrato dalla partecipazione di un numero crescente di esperti provenienti da tutto il mondo che si sono alternati sul palco della Cittadella di Assisi, presentando un totale di ben 23 studi. Da Reuven Dar e Johnathan Huppert per il contingente israeliano, al canadese Kieron O’Connor, al folto gruppo scandinavo fino al ben rappresentato gruppo spagnolo e naturalmente i massimi esperti italiani capeggiati dal gruppo di Francesco Mancini e Davide Dèttore. Per la prima volta in questa edizione un gruppo di referaggio è stato necessario per selezionare i lavori più interessanti non potendo rispondere alle numerose richieste di presentazione. Il risultato è stato una serie d’interventi  di buon livello metodologico con particolare attenzione alle ricadute sul lavoro clinico.

I colleghi israeliani hanno proposto interessanti studi sperimentali: dall’effetto paradossale dell’automonitoraggio degli stati  interni caratteristico dei pazienti DOC sulla percezione della vicinanza emotiva con l’altro, alla valutazione di possibili deficit dei meccanismi d’inibizione propri delle funzioni cognitive superiori, alla base della sintomatologia o-c, e ancora interessanti manipolazioni sperimentali che dimostrerebbero l’assenza dell’effetto placebo nel trattamento dei pazienti DOC.

Spazio anche alle nuove tecnologie nel trattamento del DOC con stimolanti studi pilota che il gruppo spagnolo ha effettuato sull’impiego della realtà virtuale nelle tecniche di esposizione.

Promettenti e rassicuranti studi di efficacia sono stati presentati dai colleghi scandinavi: dal monumentale LOTS (The Nordic Long-term OCD Treatment Study) studio multicentrico sull’efficacia della CBT per il DOC in età evolutiva  (269 soggetti provenienti da cliniche norvegesi, svedesi e danesi) con il 74% di responders al termine di 14 settimane di trattamento, alla valutazione d’interventi di gruppo ad alta intensità.

Doc_colonna_dx
Per un approfondimento…

Numerosi gli interventi della scuola di psicoterapia romana  con rassegne e studi psicofisiologici applicati ai temi del disgusto e della colpa. Ancora di matrice italiana lo studio di efficacia sui programmi residenziali di trattamento per il DOC resistente e un lavoro sulla relazione tra propensione al disgusto, colpa come tratto e contaminazione mentale.

Menzione particolare alla Spring School, nuova iniziativa che ha affiancato il meeting in una due giorni intensiva a diretto contatto con esperti, e soprattutto clinici, di fama mondiale. I partecipanti, tra cui chi scrive, hanno avuto la preziosa possibilità di cogliere da vicino l’importante e delicato processo d’integrazione tra la seconda e terza generazione della terapia cognitivo-comportamentale per il DOC. In un clima di rispettosa e fruttuosa dialettica, conservatori e innovatori hanno permesso agli allievi di consolidare la conoscenza di tecniche validate come l’esposizione con prevenzione della risposta e di apprendere promettenti e stimolanti approcci terapeutici come l’Acceptance Commitment Therapy  particolarmente indicata nella gestione dei processi ossessivi.

Doveroso ringraziamento a Barbara Barcaccia gentile e competente anfitrione del congresso per aver reso possibile un’iniziativa che sono sicuro abbia lasciato, come in chi scrive, una rinnovata fiducia ed interesse nell’alleviare l’immane sofferenza dei nostri pazienti ossessivi.

Una risposta a “Third Meeting of the EABCT SIG on OCD- Assisi, May 9-12 2013 – Spring School: latest developments in the treatment of obsessive-compulsive disorder- Assisi, May 13-14 2013”

  1. “We found the Third EABCT Meeting on OCD unique and inspiring, with high quality of scientific work: the experimental clinical approach is absolutely necessary in psychotherapy, even though it is rare to find a scientific conference in which the connection between clinical practice and research is properly highlighted, as it has been in the course of this meeting”.

    Michael and Sabine Zaudig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.